The Kidcrash – Jokes

1017031.jpg

Genere: post-hardcore emo, screamo
Voto: 4/5

Ok, a me lo screamo non piace, inoltre mi tengo alla giusta distanza da certi gruppi post-hardcore. Specialmente da quelli che tentano di fare emo. Ed invece ora me ne esco con la recensione (se può essere degna di questo nome) di un album uscito nel 2007 da una band semisconosciuta, i Kidcrash.
Comicio ad ascoltare “Turtlelephant”, e già dal pezzo strumentale iniziale mi commuovo. Finalmente c’è qualcosa di Nuovo in questo frangente ormai stagnate da tempo, mi dico. Questi Kidcrash escono dal nulla e mi sbattono in faccia queste loro melodie da math rock, con dei break continui, riff di chitarra che non si sentivano da tempo, il tutto ornato da una voce uralta, ma nemmeno troppo. C’è da dire che avevano registrato un altro album, “New Ruins”, ma comunque nulla di speciale. Con “Jokes” questo gruppo ha avuto un cambiamento notevole.

Melodie molto tecniche ed elaborate in modo sublime, ritmi che cambiano in continuazione e melodie diverse che si fondono insieme in modo perfetto. Canzoni di una dinamicità incredibile: pezzi puliti che da un momento all’altro si trasformano in densi ed aggressivi, dove interviene una voce uralta che però, devo dirlo, scarseggia in quanto a emotività.

“Ron Ghousley’s Fucked Up Dream” è la canzone “epica” dell’album, con i suoi otto bellissimi minuti di tecnica applicata all’emo. Come ho detto, gli scremings non trasmettono molto in quanto ad emozioni, tranne che in qualche traccia. Non sono paragonabili a quelli degli Heroin, ecco tutto.

In conclusione i Kidcrash sono un gruppo che avrà sicuramente del successo, tutto meritato. Questo gruppo è una ventata di aria fresca nel panorama post-hardcore. Non gli do più di 4 solo perchè i vocals non mi piacciono particolarmente.

Vai alla recensione originale


About this entry